L’ultimo giorno di scuola nell’anno del Covid - Pensieri di un’alunna di terza "media"
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Rossetti Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    L’ultimo giorno di scuola nell’anno del Covid

    Pensieri di un’alunna di terza "media"

    Cari compagni e professori,

    quando tre anni fa iniziai le “medie”, pensavo molto spesso a come sarebbe stato il mio ultimo giorno di scuola, e sicuramente non era affatto così che mi aspettavo andasse. In questi tre anni ho imparato tante cose, ma quello che mi rimarrà sicuramente più impresso di questa avventura è che cosa si prova a sentirsi parte di una famiglia, di un gruppo.

    Fin dall’ inizio di questo percorso non mi sono mai sentita sola, qualunque situazione dovessi affrontare, c’era sempre qualcuno a supportarmi e a ricordarmi che nulla è perduto. Con voi, amici, ho vissuto momenti indimenticabili, pianti e risate e se ora potessi tornare indietro per rivivere tutto ancora una volta lo farei: tutti i compleanni , le ansie che abbiamo condiviso insieme, le gite , i concerti e le interminabili canzoni sul pullman che risuonano ancora nella mia testa. Ci siamo stati sempre l’uno per l’altro e non abbiamo mai avuto paura di mostrarci per quello come siamo, perché ci sentivamo legati da qualcosa che va ben oltre il condividere i banchi di scuola e i libri: l’amicizia. Non credo ci sia parola più giusta per descrivere i nostri tre anni e, anche se tanti, ognuno era legato all’altro , non c’era più un io ma un noi.  Tante volte , come ogni gruppo classe, abbiamo avuto i nostri problemi e i nostri litigi, ma parlando alla fine riuscivamo a risolvere sempre tutto e a finire per ridere sulle sciocchezze per cui litigavamo. Erano i momenti in cui non pensavo più a cosa avrei fatto io e ai miei sentimenti in cui mi rendevo conto di fare veramente parte di questo gruppo, i momenti in cui eravamo sempre pronti ad aiutarci e anche i momenti in cui eravamo abbastanza maturi per poterci dire francamente le cose che non andavano, i momenti in cui a guardare voi ridere scoppiavo dalle risate anche io… Non potrò mai ringraziarvi tanto per questi tre anni fantastici che mi avete fatto vivere e per avermi aiutata a rialzarmi, per avermi fatta ridere, per avermi fatto capire le cose importanti e per avermi tirato sempre su di morale.

    Cari professori, siete stati la nostra guida in questi tre anni e sinceramente non avrei potuto desiderare di meglio. Mi avete insegnato a ragionare e a pensare con la mia testa, ad andare oltre gli schemi e a capire quando è il momento giusto di concentrarsi e quando lasciarsi andare. Ci siete sempre venuti incontro ma allo stesso tempo ci avete responsabilizzati, non ci avete fatto mai perdere la speranza e ci dicevate sempre le cose come stavano. Non sono mai mancate le opportunità di dialogo dove tutti imparavamo qualcosa in più, e anche le esperienze dove avete riso con noi (come dimenticare le ore infinite sui pullman)…

    Da questa scuola usciamo sicuramente arricchiti grazie ai vostri consigli, insegnamenti e lezioni di vita, e non ci dimenticheremo mai l’ entusiasmo con cui ci avete accompagnato in questa parte importante della nostra crescita.

    Grazie alla sezione musicale abbiamo vissuto molte esperienze al di fuori delle nostre cinque ore di scuola, come le prove infinite, i concorsi e i concerti dove ci veniva la pelle d’oca a sentire gli applausi e l’ansia prima di entrare in scena. Non dimenticherò mai i pomeriggi passati a provare brani su brani e a suonare, le ore passate nel teatro della scuola con l’orchestra e i pomeriggi in cui ci riunivamo per suonare insieme e controllare che fosse tutto perfetto per le esibizioni. La musica e l’ orchestra sono state parte integrante di questi tre anni e sono grata di essere capitata in questa sezione meravigliosa che mi ha dato tanto.

    Non sono una persona che si emoziona facilmente, ma scrivendo queste parole mi sono ricordata di tutte le esperienze passate e di come da un giorno all’ altro sia terminato tutto così in fretta e di come sia importante cogliere sempre l’ attimo , perché quei momenti che abbiamo vissuto purtroppo non ce li darà più indietro nessuno. Se solo penso che è già finito tutto, che questi tre anni sono finiti e che non ci sarà mai più per me una 3 E non so proprio cosa dire, mi sembra surreale finire in questo modo, ma la cosa importante è sapere che vicini o distanti i nostri cuori sono legati, proprio come una famiglia, perché è questo che siamo e che saremo sempre.

    Asia Travaglini

    di Redazione Rossetti


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi