Esplorando Pescopennataro, paese della pietra e degli abeti bianchi - Ricordi di una meravigliosa visita didattica
 
Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Rossetti Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Istituto Rossetti Vasto Cultura 12/05/2017 12/05

Esplorando Pescopennataro, paese della pietra e degli abeti bianchi

Ricordi di una meravigliosa visita didattica

Bellissima giornata quella trascorsa dai ragazzi della I C e della I D della Scuola Secondaria di I grado “G. Rossetti” di Vasto, il 9 maggio scorso, presso le località di Pescopennataro e di Agnone, in provincia di Isernia.

Le due classi, accompagnate dalle insegnanti Del Casale, Madonna, Marrone e Reale, hanno sfidato il tempo incerto puntando verso il Molise per immergersi nella natura e scoprire antiche tradizioni.

Durante la mattinata gli studenti hanno visitato Pescopennataro, paese molto suggestivo in cui hanno svolto una passeggiata alla ricerca di una tipica specie arborea: l’abete bianco.

Insieme a due guide locali e alle docenti i ragazzi hanno percorso il sentiero del “Parco di Pinocchio”, lungo il quale hanno incontrato molti alberi, compreso lo stesso abete bianco,  e anche particolari fiori e piante tra cui le orchidee spontanee, i muscari, l’aglio orsino, l’ortica e gli spinaci selvatici denominati orapi.

La passeggiata è proseguita con la visita del Belvedere del Guerriero Sannita, dove si trovano le incantevoli rocce in cui sono incastonate alcune case di Pescopennataro. Dette “Dolomiti Molisane” per l’evidente bellezza, sulle loro pareti si pratica lo sport dell’arrampicata.

Dopo aver toccato il punto più alto del paese, gli alunni hanno rallegrato le stradine pescolane raggiungendo il Museo della Pietra “C. Marinelli” in cui si trovano molti reperti preistorici (fossili, pietre particolari, detriti, manufatti) ma anche le immagini delle realizzazioni degli scalpellini più importanti e rinomati di Pescopennataro ed i loro strumenti di lavoro.

Successivamente i ragazzi hanno raggiunto la piccola bottega di Edoardo Lalli, scalpellino specializzato nella lavorazione della pietra e del marmo, che ha offerto una dimostrazione della propria arte.

In seguito la comitiva s’è recata al ristorante “Abete Bianco” dove, al termine del pranzo, si è svolta anche una gara di braccio di ferro tra i partecipanti.

Nel pomeriggio il viaggio è proseguito alla volta della cittadina di Agnone.

Gli alunni, durante questa uscita didattica, hanno potuto unire il divertimento alla cultura.

L’esperienza è stata meravigliosa!

                                                                                           Sara De Vitofrancesco e Giorgia Smargiassi (classe I D)

di Redazione Rossetti


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi